SISTEMA ECONOMICO MISTO ITALIANO

L'ART.41 DELLA COSTITUZIONE

ARTICOLO 41 DELLA COSTITUZIONE

Il sistema economico italiano è un sistema ad economia mista. Lo stabilisce l'art.41 della Costituzione Italiana.

Esso recita: "L'iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata con fini sociali"
.

LA SCELTA DELL'ECONOMIA MISTA

L'art.41 della Costituzione riconosce l'iniziativa privata in campo economico, ma prevede anche ampi interventi dello Stato al fine di tutelare l'interesse collettivo e di evitare una ingiusta distribuzione del reddito.

La scelta di questa soluzione è dovuta a vari elementi:

  • la consapevolezza della presenza, sia nel sistema liberista che nel sistema collettivista, di pregi e di difetti;
  • la natura compromissoria della Costituzione italiana tra la sinistra che preferiva un modello di economia gestita soprattutto dallo Stato e gli esponenti del centro e della destra favorevoli alla preminenza dell'iniziativa privata.

PLURALISMO ECONOMICO

La scelta adottata dalla nostra Costituzione porta ad un pluralismo economico, ovvero alla contemporanea presenza di imprese private, pubbliche e di controlli pubblici.

PREVALENZA DELL'UTILITA' SOCIALE

La Costituzione italiana, stabilisce che l'iniziativa economia è libera riconoscendone il ruolo positivo e il contributo al miglioramento del benessere della collettività.

Tale libertà va intesa come libertà:

  • di intraprendere un'attività economica;
  • di svolgerla senza interferenze;
  • di concorrere sul mercato con altre imprese;
  • di cessarla quando lo si desidera.

Tuttavia, la stessa Costituzione fissa un limite a tale libertà. Tale limite è rappresentato:

  • dall'utilità sociale;
  • dal rispetto della sicurezza, delle libertà e della dignità della persona.

Pertanto, se da una parte ognuno è libero di intraprendere un'attività economica, dall'altra essa non può contrastare mai con l'interesse della collettività o con l'interesse degli altri soggetti sui quali si ripercuotono le scelte dell'azienda (lavoratori, finanziatori, consumatori, clienti, fornitori, ecc..).

RUOLO GUIDA DELLO STATO

Il ruolo di guidare l'economia e coordinare l'attività dei singoli operatori economici spetta allo Stato che utilizza come strumento principale quello della programmazione economica.

 
 
 

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

SchedeDiGeografia.net

StoriaFacile.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter