HOME NEWSLETTER CONTATTI
         
 

 

     
 

L'inflazione nella storia

Episodi di inflazione nella storia

 

 

INFLAZIONE NELLA STORIA

Nella storia ci sono moltissimi esempi di inflazione, dall'antichità fino ai nostri giorni.

 

LA RIVOLUZIONE DEI PREZZI

Uno dei primi esempi di inflazione è quello della rivoluzione dei prezzi che si verificò in Europa nel 1500: il livello dei prezzi nel vecchio continente aumentò notevolmente a causa:

  • dell'afflusso di metalli preziosi (oro e argento) provenienti dall'America;
  • dell'aumento della popolazione dell'Europa, con un conseguente aumento della domanda di beni che provocò un aumento dei prezzi.

 

A risentire degli effetti dell'inflazione furono:

  • soprattutto gli operai, i cui salari avevano un potere di acquisto sempre minore;
  • ma anche i proprietari terrieri che percepivano un affitto dai contadini per lo sfruttamento del suolo. Per far fronte alla perdita del potere di acquisto della moneta i latifondisti spesso esigevano un affitto in natura.

 

IPERINFLAZIONE TEDESCA

Alla rivoluzione dei prezzi seguirono altri casi di inflazione, come quella avutasi in Francia all'epoca della rivoluzione francese.

Ma sicuramente il caso più conosciuto è quello dell'iperinflazione che si ebbe in Germania al termine della Prima guerra mondiale

Già durante la guerra l'inflazione iniziò a crescere dato che il paese doveva sostenere dei costi bellici notevoli e per farlo stampò grandi quantità di banconote nella speranza di vincere la guerra e di far pagare i debiti accumulati ai paesi sconfitti. Ma non fu così: la Germania perse la guerra e stipulò un trattato di pace che la costrinse:

  • a pagare ingenti danni di guerra ai paesi vincitori;
  • a trasferire in Francia ed Inghilterra interi impianti industriali e un numero elevatissimo di vagoni ferroviari;
  • a cedere alcuni suoi territori nei quali si trovavano giacimenti di carbone e di ferro. 

 

Per far fronte ai debiti sempre maggiori, il paese continuava ad emettere banconote e la perdita del potere di acquisto della moneta divenne immensa. 

Per rendersi conto dell'entità di tale inflazione diciamo che un chilo di pane costava oltre 400 miliardi di marchi.

 

ALTRI CASI DI IPERINFLAZIONE

Altri casi di iperinflazione si sono verificati negli anni '80 del secolo scorso nei paesi sudamericani. Ad esempio, nel 1984, in Bolivia l'inflazione ha raggiunto il 5.300% all'anno.

In tempi più recenti un caso di iperinflazione elevatissima si è avuto nella Repubblica indipendente dello Zimbabwe nata dalla colonia inglese della Rhodesia.

 

L'INFLAZIONE IN ITALIA

L'Italia ha dovuto fronteggiare, nel corso del '900, varie volte i fenomeni inflazionistici, in particolare:

  • nei periodi delle due guerre mondiali, quando per fronteggiare le spese di guerra si ricorse soprattutto all'emissione di moneta;
  • durante gli anni '70 caratterizzati da un'inflazione importata dovuta all'aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi.

 

INFLAZIONI DEL PASSATO E INFLAZIONI ATTUALI

La principale differenza tra le inflazioni del passato e quelle attuali è che:

  • in passato l'inflazione era un fenomeno momentaneo dovuto ad eventi di carattere eccezionale come guerre, carestie, epidemie. A questi periodi si alternavano momenti di stabilità economica;
  • attualmente l'inflazione è divenuto un fenomeno duraturo e costante e non la conseguenza di un momento del tutto particolare.

 

 

Indice argomenti sull'inflazione

 

 
 
Glossario:

- Glossario di diritto

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - Z

 

- Glossario di economia

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Z -

 

 
 
 

www.LezioniDiMatematica.net

 


www.EconomiAziendale.net

 

www.SchedeDiGeografia.net

 


www.StoriaFacile.net

 


www.LeMieScienze.net

 


www.MarchegianiOnLine.net


 

 

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della L.n.62 del 07.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681