LA CAPACITÀ DI AGIRE DEI MINORI

INCAPACI ASSOLUTI

MINORE ETA'

Una delle cause limitatrici della capacità di agire è la minore età.

Minorenne è colui che non ha ancora compiuto il 18° anno di età. Egli ha la capacità giuridica, ma non la capacità di agire.

Il minore di età è assolutamente incapace nel senso che, non può concludere nessun negozio giuridico.

Esempio: un minorenne eredita un appartamento. Egli è proprietario dell'appartamento, ma non può venderlo o affittarlo.

Il minore è sottoposto alla responsabilità genitoriale di entrambi i genitori, ovvero i genitori sono i rappresentanti legali del figlio e agiscono in suo nome e per suo conto.

La responsabilità genitoriale deve essere "esercitata tenendo conto delle capacità, delle inclinazioni naturali e delle aspirazioni del figlio" (art.316 Codice civile)

L'art.317 del Codice civile stabilisce che "nel caso di lontananza, di incapacità o di altro impedimento che renda impossibile ad uno dei genitori l'esercizio della responsabilità genitoriale, questa è esercitata in modo esclusivo dall'altro. La responsabilità genitoriale di entrambi i genitori non cessa a seguito di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili, annullamento, nullità del matrimonio".

RAPPRESENTANZA E AMMINISTRAZIONE DA PARTE DEI GENITORI

Il modo in cui i genitori devono esercitare la responsabilità genitoriale è stabilito dall'art.320 del Codice civile.

Tale articolo prevede che i genitori:

  • rappresentano i figli nati e i nascituri, fino alla maggiore età o all'emancipazione in tutti gli atti civili;
  • amministrano i beni dei figli.

Gli atti di ordinaria amministrazione, cioè quegli atti che non modificano il patrimonio di un soggetto, possono essere compiuti disgiuntamente da ciascun genitore. A tale regola fanno eccezione i contratti con i quali si concedono o si acquistano diritti personali di godimento.

I genitori non possono compiere atti di straordinaria amministrazione, cioè quegli atti che modificano il patrimonio di un soggetto, salvo il caso in cui vi sia una necessità o utilità evidente per il figlio e, in ogni caso, solamente dopo l'autorizzazione del giudice tutelare, cioè di un magistrato a cui spetta il compito di tutelare il minore.

Esempio: Carlo è minorenne ed è proprietario di un appartamento donatogli da un lontano parente. I genitori possono affittare l'appartamento: questo è un atto di ordinaria amministrazione che non modifica il patrimonio di Carlo.

Essi, però, non possono vendere l'appartamento essendo questo un atto di straordinaria amministrazione che va a modificare il patrimonio di Carlo. La vendita sarebbe possibile solo in caso di necessità o utilità evidente per Carlo, ad esempio per poter proseguire gli studi all'estero, e comunque sempre dopo aver ottenuto l'autorizzazione del giudice tutelare.

RESPONSABILITA' GENITORIALE E PATRIA POTESTA'

La responsabilità genitoriale era un tempo chiamata patria potestà. Nel febbraio 2014, in seguito ad una modifica delle norme del diritto di famiglia, l'espressione patria potestà è stata sostituita da quella di responsabilità genitoriale.

Mentre, quando si parla di responsabilità genitoriale, si pone l'attenzione su quel complesso di diritti e doveri del genitore che egli deve esercitare nell'interesse dei figli minori, quando si parla di potestà si fa riferimento ad un complesso di poteri attribuiti al genitore e finalizzati a formare il minore che si trova in uno stato di passiva soggezione rispetto al genitore.

 
 
 

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

SchedeDiGeografia.net

StoriaFacile.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter