LE FONTI DI PRODUZIONE

LE FONTI DEL DIRITTO

FONTI DI PRODUZIONE

Le fonti di produzione sono i fatti dai quali, ciascun ordinamento giuridico, fa derivare l'inserimento di una nuova norma nel sistema di regole da cui la collettività è organizzata, o la modifica o l'abrogazione di una norma vigente.

FONTI DEL DIRITTO

I primi 31 articoli del Codice civile costituiscono una parte preliminare che prende il nome di Disposizioni sulla legge in generale.

In particolare, l'art.1 del Codice civile, fissa quelle che sono le fonti del diritto.

Tale articolo prevede che sono fonti del diritto:

  • le leggi;
  • i regolamenti;
  • gli usi.

In origine tale articolo prevedeva tra le fonti del diritto anche le norme corporative che sono state abolite nel 1943.

NORME CORPORATIVE

Le norme corporative erano norme emanate dagli organi sindacali e corporativi del fascismo. Esse sono state abrogate con la fine del regime fascista.

LEGGI

Le leggi sono norme generali di azione o di comportamento emanate in forma scritta dagli organiai quali ne è attribuita la potestà.

CLASSIFICAZIONE DELLE LEGGI

Le leggi, a seconda dell'organo che le emana, si differenziano in:

  • leggi in senso formale o leggi formali;
  • leggi in senso sostanziale o leggi materiali.

LEGGI FORMALI E LEGGI MATERIALI

Le leggi formali sono norme approvate dal Parlamento e promulgate dal Presidente della Repubblica. Sono dette anche leggi ordinarie.

Le leggi sostanziali o materiali sono norme equiparate alle leggi formali, ma sono emanate dal Governo, quando ne ricorrono particolari circostanze. Di conseguenza esse, nella sostanza, sono del tutto simili alle leggi formali, ma se ne differenziano nella forma perché non sono soggette alla procedura prevista normalmente per l'emanazione di una legge.

Esempio: sono leggi sostanziali i decreti-legge e i decreti legislativi.

DECRETI LEGGE E DECRETI LEGISLATIVI

I decreti legge sono norme emanate dal Governo di propria iniziativa nei casi di necessità e urgenza.

I decreti legislativi sono emanati dal Governo su richiesta del Parlamento.

REGOLAMENTI

I regolamenti sono norme generali ed astratte emanate dal potere esecutivo (Governo, Regioni, Province, Comuni) nell'ambito della propria competenza e delle leggi esistenti.

Essi hanno normalmente lo scopo di chiarire i criteri di applicazione delle leggi formali e sostanziali, soprattutto di quelle più articolate.

USI O CONSUETUDINI

Gli usi o le consuetudini sono comportamenti ripetuti nel tempo da parte di una certa collettività con la certezza che essi sono giuiridicamente obbligatori.

 
 

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

SchedeDiGeografia.net

StoriaFacile.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter