LA TUTELA DEL LAVORO NELLA COSTITUZIONE ITALIANA

L'ARTICOLO 35 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA

ARTICOLO 35 DELLA COSTITUZIONE

L'art.35 della Costituzione italiana recita:

"La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.
Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori.
Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro.
Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero."

TUTELA DEL LAVORO

L'articolo 35 afferma che è compito della Repubblica:

  • tutelare il lavoro in tutte le sue forme;
  • curare l'elevazione professionale di tutti i lavoratori in modo da permettere a tutti di svolgere un’attività conforme alle proprie capacità ed aspirazioni;
  • promuovere e favorire gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro;
  • riconoscere la libertà di emigrazione in tutte le sue forme, cioè la libertà di svolgere il proprio lavoro all'estero;
  • tutelare il lavoro italiano all'estero.

DIRITTO AL LAVORO

L'articolo 4 della Costituzione al primo comma, prevede che la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto".

Con questa norma si è voluto stabilire che l'obiettivo dei pubblici poteri deve essere il lavoro come diritto per tutti i cittadini: spetta a chi governa il paese creare le condizioni che permettano di raggiungere tale obiettivo. D'altra parte, i cittadini possono giudicare il raggiungimento o meno di tale obiettivo da parte delle forze politiche al potere, mediante il voto.

A questo diritto si collega la tutela del lavoro, in modo particolare del lavoro subordinato, contenuta nella Costituzione ed in modo particolare nell'articolo 35. La tutela del lavoro implica:

  • la creazione di condizioni che permettano di realizzare il diritto al lavoro per tutti;
  • l'illegittimità costituzionale di ogni impedimento che, senza giustificato motivo, renda difficoltoso o impossibile l'accesso al mondo del lavoro;
  • il divieto di approvare norme che intralcino la libertà di scelta e di esercizio dell'attività lavorativa.

L'articolo 35 svolge una funzione programmatica.

LIBERTA' DI EMIGRAZIONE

L'ultimo comma dell'art.35 si occupa della libertà di emigrazione.

L'emigrazione è stata, nel passato, molto frequente in Italia. Per questo il legislatore ha ritenuto opportuno tutelare il lavoro degli italiani all'estero. Tale obiettivo viene raggiunto attraverso una serie di accordi internazionali con i quali vengono riconosciuti ai lavoratori italiani gli stessi diritti dei lavoratori dei paesi ospitanti e viceversa.

Oggi la situazione è profondamente cambiata: il fenomeno dell'emigrazione si è molto ridotto in termini quantitativi e riguarda soprattutto personale altamente qualificato. Allo stesso tempo, l'Italia è diventata terra di immigrazione da parte di chi viene nel nostro paese in cerca di lavoro e fortuna. I lavoratori extracomunitari, entrati nel nostro paese regolarmente, sono equiparati ai lavoratori italiani e godono degli stessi diritti.

D'altra parte con la creazione dell'Unione Europea il cittadino italiano che lavora in un altro paese dell'Ue è equiparato a un lavoratore del Paese nel quale è emigrato e viceversa.

 
 
 

LezioniDiMatematica.net

EconomiAziendale.net

SchedeDiGeografia.net

StoriaFacile.net

LeMieScienze.net

MarchegianiOnLine.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter